L’ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI SUPERA PER LA PRIMA VOLTA IL CARBONE!

energÈ la prima volta che la quantità di energia prodotta da sistemi con fonti rinnovabili supera quella derivante dalla produzione di centrali a carbone ed affini. Il risultato, frutto di un’analisi condotta dall’IEA (Agenzia Internazionale dell’Energia) mostra come le nuove installazioni abbiano riguardato soprattutto pannelli solari ed impianti eolici, per valori pari a mezzo milione di pannelli solari per ogni giorno del 2015, e due nuove turbine eoliche per ogni ora in Paesi come la Cina: valori sorprendenti, senza dubbio!

L’agenzia IEA ha rilasciato la sua analisi delle prospettive a medio termine per le fonti rinnovabili, che comprende uno sguardo al mercato globale: il 2015 ha rappresentato, solo l’inizio, ed entro il 2021, le energie rinnovabili saranno in grado di generare quantità di elettricità sufficiente a fronteggiare la domanda energetica negli Stati Uniti e in Europa integrando rinnovabili e carbone.

È importante evidenziare che generalmente gli impianti di fonti rinnovabili generano solo un terzo della loro capacità; quindi, in concreto, produciamo ancora energia in quantità prevalente partendo da fonti fossili.

Il dato interessante del report dell’Agenzia è la proiezione, entro 5 anni (2021), della massiccia diffusione di fonti rinnovabili, anche per il ridotto costo che nel corso del tempo si sta determinando rispetto a quello attuale: l’agenzia stima una crescita delle rinnovabili che è del 13% superiore alle previsioni fatte nel 2014.

7

Il ricorso a fonti energetiche rinnovabili raggiungerà oltre il 60% della nuova generazione, la quantità di energia così ricavata potrà fronteggiare interamente il fabbisogno di Unione Europea e Stati Uniti fino ad abbandonare il necessario ricorso alle centrali a carbone.

La quattro aree che secondo l’IEA saranno interessate da queste nuove installazioni saranno: Cina, India, Europa e Stati Uniti; tuttavia mentre in Cina ed India non sarà possibile fronteggiare la domanda esclusivamente con le fonti rinnovabili e sarà pertanto necessario riallineare le centrali a carbone e le centrali nucleari, in Europa e Stati Uniti sarà possibile raggiungere il valore del fabbisogno grazie all’integrazione di nuovi impianti da fonti rinnovabili e dalla sostituzione di alcuni già installati con altri con sistemi di maggiore rendimento, favorendo ulteriormente la riduzione di impianti da combustibili fossili.

DAI LA TUA OPINIONE!  Ci vorrà solo un secondo…

Scrivi nel commento un numero da 0 (la news non è interessante) a 5 (la news è molto interessante) per aiutarci a migliorare il nostro servizio. GRAZIE!

Share This: